mobile-menu mobile-menu-arrow Menu
 

Telephone Call, A


Autore: Dorothy Parker
Categoria: Teatro
Genere: tragicommedia
Lingua: inglese
Ruoli: 1
Attrici: 1

Sinossi:

Il conflitto tra le convenzioni sociali e il desiderio di infrangerle, è tanto evidente in questo breve monologo interiore. Qui la protagonista è combattuta tra il desiderio di infrangere la convenzione sociale telefonando all’uomo che ama e dall’altro c’è la paura di violare un tabù. Quindi si rivolge a Dio attraverso questo sketch, da un lato implorandolo affinché il telefono squillio e dall’altro minacciandolo di uscire dal suo ruolo passivo telefonando lei stessa. Lei vede il fatto che quest’uomo non le telefoni come se fosse colpa sua, come il risultato di un “peccato” che ha commesso involontariamente; perciò implora il perdono di Dio, promettendo di espiarlo comportandosi in un modo “socialmente accettabile”.

Vedi, Signore, se Tu lasci che lui mi chiami, io non ti dovrei chiedere più niente. Sarei dolce con lui, sarei felice, sarei semplicemente come sono di solito, e quindi lui mi amerebbe ancora. E quindi io non chiederei più niente.

Ma anche se la protagonista promette di “essere migliore”, la sua rabbia repressa inizia ad affiorare. Prima minaccia il telefono:
Maledetto, strapperò dal muro quei tuoi luridi fili! E farò a pezzi quel tuo involucro nero di cui vai tanto fiero. Maledetto, va’ all’inferno!

Quindi rivolge la sua rabbia sull’amante: “Giuro su Dio che potrei farlo piangere. Giuro che potrei farlo piangere e calpestarlo, vorrei che sentisse il peso del suo cuore mentre gli si deteriora dentro. Giuro che potrei ferirlo a morte.*
Eppure ogni volta che lei minaccia qualcosa o qualcuno, si calma e si pente.

“A Telephone Call” è una lotta interiore nell’IO sociale della protagonista. Apparentemente è un gioco spensierato ma è in realtà una battaglia mortale. E proprio la tensione di questa guerra interiore rimane irrisolta comunque. Il monologo termina con la protagonista ancora determinata a fare questa importantissima telefonata, eppure rimane immobile, incapace di comporre quel numero di telefono.


Personaggi:
1 donna