mobile-menu mobile-menu-arrow Menu
 

Loveplay



Dal 25 al 27 ottobre al Teatro Belli di Roma la mise en espace a cura di Massimiliano Farau di Loveplay di Moira Buffini!

Commissionata dalla Royal Shakespeare Company, Loveplay fu presentata per la prima volta nel 2001 nell’ambito della rassegna “This Other Eden” a cui parteciparono vari drammaturghi con l’intento di raccontare episodi della storia d’Inghilterra. Moira Buffini si è confrontata quindi con un progetto molto ambizioso e il risultato del suo lavoro è un testo divertente, arguto, tagliente e a tratti commovente. Per avere un’idea di come sia strutturato Loveplay, immaginiamo una sorta di Girotondo di Arthur Schnitzler che si dipana lungo due millenni di storia di Londra.  Dieci scene ambientate nello stesso luogo della città che cambia destinazione attraverso i secoli. I vari episodi sono legati da un filo comune: la ricerca dell’amore e del sesso. Dalle complicate vicende di un antico romano che ardente di passione cerca di assicurarsi i servigi di una prostituta indigena, fino all’ultimo episodio ambientato in una contemporanea agenzia per incontri erotico-sentimentali, Buffini sembra sottolineare una continuità spirituale che si respira in alcuni siti di Londra. Le qualità della scrittura di Buffini emergono proprio nella capacità di passare da un registro comico leggero a un umore più scuro e profondo con cui riesce a dare corpo ai personaggi pur nella brevità delle scene di cui sono protagonisti.

Nell’affrontare un’ampia gamma di temi, Buffini delinea un ritratto della continuità della repressione delle emozioni legate alla sfera sessuale e amorosa in evidente contrasto con il progresso intellettuale e scientifico. In Loveplay vediamo come l’inibizione emotiva e sessuale sia determinata dai differenti rapporti di potere, dovuti alle differenze di genere sessuale e di classe sociale, per giungere infine all’amara contemporanea svalutazione del sesso, visto come una semplice transazione commerciale.

da teatrobelli.it

LOVEPLAY
di Moira Buffini

con Maria Chiara Arrighini, Giuseppe Benvegna, Matilde Bernardi, Francesco Brullo, Annabella Buonomo, Flavio D’Antoni, Chiara Ferrara, Riccardo Longo, Valentina Martone, Gabriele Pestilli, Guido Quaglione, Edoardo Sani, Giulia Sessich, Francesca Somma, Sabatino Trombetta

mise en espace a cura di Massimiliano Farau

in collaborazione con Sapienza Università di Roma e Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”

Traduzione a cura delle studentesse del Dip. SEAI UNIVERSITÀ SAPIENZA, Francesca Forlini, Viviana Napolitano, Antonella Serra, Maria Teresa Vastante, Antonella Rossini
sotto la supervisione del Prof. Andrea Peghinelli