mobile-menu mobile-menu-arrow Menu
 

Ardente Pazienza

Auth: Antonio Skármeta

Trad: Ilaria Staino

ISBN: 9788890377990

Articolo
Sinossi:

Giugno del 1969 nel piccolo villaggio di Isla Negra, vicino alle coste del Cile.

Mario Jiménez, isolano figlio di un pescatore, lavora come postino locale. L’intero villaggio è analfabeta e l’unica persona a cui deve consegnare la posta è il famoso poeta Pablo Neruda, il quale sta aspettando delle notizie circa la sua candidatura al Premio Nobel per la letteratura; i due diventano buoni amici. Il poeta vede nel ragazzo un’ingenuità che imparerà ad apprezzare e ad amare; sarà infatti ben disposto ad offrirgli il suo pieno appoggio nell’imparare a far poesia alimentando il suo interesse e insegnandogli il valore di una metafora, tecnica che il giovane imparerà ad utilizzare osservando in cerca di ispirazione ciò che lo circonda.

Nel villaggio, Mario incontra Beatriz Gonzàlez, la figlia di Rosa vedova Gonzàlez, proprietaria di un’osteria. I due si innamorano e si sposano, sempre con il disappunto di Rosa, che chiede invano l’aiuto di Neruda, nominato per altro testimone di nozze da Mario. Salito al potere il partito di Allende, Neruda parte per ricoprire la carica di ambasciatore in Francia.

Poiché Neruda è lontano, non serve più un postino e Mario trova lavoro come cuoco nel ristorante della suocera. Passati alcuni mesi, Mario riceve un pacco da parte di Neruda contenente un registratore Sony. Neruda è nostalgico della propria patria e gli chiede di registrare i suoni dell’isola per poi farseli spedire.

Neruda, che intanto ha vinto il premio Nobel, ritorna qualche tempo dopo, gravemente ammalato. Il poeta muore e il golpe che ha destituito Allende arriva fino a Isla Negra: Mario viene avvicinato da due poliziotti, che gli intimano di andare con loro per fargli alcune domande di routine…