mobile-menu mobile-menu-arrow Menu
 

Diary of a Madman al Teatro Belli



(Immagine per gentile concessione di teatrobelli.it)


Diary of a Madman di Al Smith, tratto da Gogol, ha avuto il suo debutto mondiale al Festival di Edimburgo nel 2016 e verrà presentato in Italia per la prima volta all’interno del Festival Trend i prossimi 17 e 18 dicembre.

Pop Sheeran, orgogliosamente a capo dell’impresa familiare che si occupa di ritinteggiare il Forth Bridge, il ponte nel sud del Queensferry in Scozia, sta per perdere tutto. Una grossa multinazionale ha acquistato l’icona scozzese, introducendo nel mercato una nuova, innovativa vernice. Come reagirà Pop quando realizzerà che perderà il suo storico lavoro?

Diary of a Madman (Diario di un pazzo) è il nuovo acuto, brillante e politico adattamento di Al Smith della classica opera di Gogol, reimmaginata in una Scozia contemporanea sull’orlo del voto d’indipendenza.


Diary of a Madman, di Al Smith (da Gogol)

traduzione Stefano Patti

con Marco Quaglia, Sarah Sammartino,

Federico Tolardo, Maria Vittoria Argenti e

Arianna Pozzoli

assistente alla regia Laura Morelli

regia Stefano Patti

produzione 369gradi