mobile-menu mobile-menu-arrow Menu
 

(Immagine per gentile concessione di www.gallerypress.com)

Thomas Kilroy

Thomas F. Kilroy (1934- ) commediografo e scrittore irlandese, nasce il 23 settembre 1934 a Green Street, Callan, Contea di Kilkenny, studia all’University College di Dublino. All’inizio della sua carriera è un curatore di opere teatrali per l’Abbey Theatre di Dublino. In seguito fonda (insieme a Brian Friel, Stephen Rea e Tom Paulin) la compagnia itinerante Field Day, della quale sarà anche regista . Per diversi anni insegna letteratura inglese presso lo University College di Galway, un incarico da cui si dimette nel 1989 per dedicarsi interamente alla scrittura. Adesso vive nella Contea Mayo ed è socio della Irish Academy of Letters, della Royal Society of Literature e della Aosdàna.

Benché le sue opere teatrali affrontino argomenti irlandesi, Thomas Kirloy è essenzialmente un autore europeo. Più di ogni drammaturgo irlandese, è in tono e in contatto con argomenti di una tradizione ben più vasta.
Seguendo le sue rivisitazioni di Chekhov (Il gabbiano) e di Ibsen (Gli spettri), è chiaro come Kiroy si lasci ispirare dalla drammaturgia di Luigi Pirandello (1867-1936) per le tematiche centrali affrontate dall’autore nostrano: l’anatomia della personalità, l’inafferrabilità della realtà, lo scontro tra l’IO personale quando collide con le aspettative del mondo esterno – questi sono semi che egli ha seminato per mezzo secolo. Kilroy è affascinato in particolare da I sei personaggi in cerca di Autore e dall’Enrico IV.
Solo uno scrittore della portata intellettuale e immaginativa di Kilroy avrebbe potuto rivisitare i capolavori di un autore che ha ricevuto il Premio Nobel per “la ardita e ingegnosa rivisitazione della drammaturgia e della messa in scena”.

TEATRO
———–
The Death and Resurrection of Mr Roche, The Dublin Theatre Festival, 1968. Published by Faber & Faber, Grove Press, 1968;

The O’Neill, The Peacock Theatre, Dublin, 1969. Published by The Gallery Press, Oldcastle, Co Meath, 1995;

Sex and Shakespheare, The Abbey, 1976. Revised edition published by The Gallery Press, 1998;

Talbot’s Box, The Peacock, 1973. Published by The Gallery Press/Delaware, Proscenium Press, 1979;

Double Cross, The Abbey, 1986. Published by Faber & Faber, 1986. Translated into French as Double jeu by Alexandra Poulain, 1996;

The Madam MacAdam Travelling Theatre, The Field Day Theatre Company, 1992. Published by Methuen, 1992;

The Secret Fall of Constance Wilde, The Abbey, 1997 and Melbourne Festival 1998. Published by The Gallery Press, 1997;

The Shape of Metal, The Peacock, 2003. Published by The Gallery Press;

My Scandalous Life, 2004, The Gallery Press.

ADATTAMENTI

The Seagull (Chekov), The Royal Court, London, 1981. Published by Eyre Methuen, 1981;

Ghosts (Ibsen), The Peacock Theatre, Dublin, 1989;

Six Characters in Search of an Author (Pirandello) The Abbey Theatre, Dublin, 1996.

ROMANZI
———–
The Big Chapel, Faber & Faber, 1971. (Quest’opera ottenne il Guardian Fiction Prize nel 1971 e venne nominata per il Booker Prize).

Sean O’Casey: a Collection of Critical Essays, Ed., Prentice Hall, 1975;

RADIO
———
The Door, BBC Radio 4, October 27, 1967;

That Man Bracken, BBC Radio 3, June 20, 1986;

The Colleen and the Cowboy, RTÉ Radio, Prod. Kate Minogue, September 11, 2005.

TELEVISIONE
———–
Farmers, Radio Telefís Éireann, 1978;

Gold in the Streets, 1993;

The Black Joker.

INEDITI
——–
Dreaming House, a Play about George Moore, 1990

Blake, 2001.

RICONOSCIMENTI
————————-
Guardian Fiction Prize, 1971;

Heinemann Award for Literature;

Aib Literary Prize;

American-Irish Foundation Award for Literature;

Rockefeller Foundation Residency;

Kyoto University Foundation Fellowship;

Prix Nikki Special Commendation;

Lifetime Achievement, Irish Times / ESB Theatre Award, 2004

Per la sua vasta produzione saggistica si rimanda a
www.wikipedia.org