mobile-menu mobile-menu-arrow Menu
 

Casa dei dadi, La


Autore: Paul Lucas
Categoria: Teatro
Genere: Commedia
Lingua: inglese
Ruoli: 8
Attori: 6
Attrici: 2

Sinossi:

Il dr. Ratner, uno psichiatra, ha istituito una “casa” per la terapia dei dadi, un una vecchia dimora nel cuore della campagna inglese. I pazienti vengono incoraggaiti ad affidare totalmente la loro vita ai dati. Il risultato include scelte bizzarre nell’abbigliamento e strane attività per molti residenti incluso il dottore che passa gran parte della commedia vestito con abiti da donna.
Il dottor Drabble, un altro psichiatra, che ha precedentemente disdegnato nei circoli medici la bizzarra terapia inventata da Ratner, deve trovare un modo per intrufolarsi nella “Casa dei Dadi” quando scopre che sua moglie è una delle più recenti reclute. Egli perciò ricatta uno dei suoi ex pazienti, Matthew, perché entri nella casa con l’astuto progetto di rapire sua moglie. Ma come accade a tutti i progetti nelle farse, le cose si mettono decisamente male nell’attimo stesso in cui Matthew si insinua nella casa. Specialmente quando scopre che le vere intenzioni del Dr. Drabble per sua moglie sono peggiori di rapirla. Da quel momento in poi, la piece inizia a percorrere una serie di strade parallele, incluso l’amore, la depilazione dei genitali, la sostituzione di persona, l’amputazione di un arto e la vendetta per una soddisfacente, ma assolutamente non ortodossa, né forse, legale conclusione.

(Di questo testo è disponibile anche la versione italiana tradotta da Edy Quaggio)


Personaggi:
- Dr. Ratner - Dr. Drabble - Matthew - Polly - Mr. Smith - Lisa - Victor - Cavaliere del Rancore

Commenti:
Il romanzo cult di Luke Rheinhart THE DICE MAN ("L'uomo dei dadi"), in cui si descrive un mondo in cui le persone prendono tutte le decisioni con un tiro di dadi, ha ispirato una serie di "spin-off" (incluso, che ci si creda o no) un balletto. Comunque uno degli adattamenti più geniali è sicuramente LA CASA DEI DADI di Paul Lucas che debuttò nel 2004 al festival di Edimburgo e che fece il suo ingresso al West End nella primavera del 2005, e che potrebbe essere considerata la più comica e intelligente "black comedy" degli ultimi tempi.