mobile-menu mobile-menu-arrow Menu
 

Ariel Dorfman

Ariel Dorfman,scrittore, drammaturgo, saggista e giornalista cileno, nonché attivista dei diritti umani, nasce in Argentina nel 1942.
Prefessore Emerito alla Duke University, i suoi libri sono stati tradotti in più di cinquanta lingue e i suoi lavori messi in scena in più di cento paesi. Il suo dramma La morte e la fanciulla ha vinto l’Olivier Award come miglior lavoro teatrale nel 1991, Roman Polanski ne ha realizzato un film e l’opera continua ad essere messa in scena in tutto il mondo.
WIDOWS e READER sono stati premiati dal Kennedy Center e anch’essi sono stati messi in scena in tutto il mondo. Tra le altre opere ricordiamo PURGATORIO – che nel 2011 è stato presentato a Madrid con protagonista Viggo Mortensen, THE OTHER SIDE/DELIRIUM,(Market Theatre,
Johannesburg, 2012) PICASSO’S CLOSET e SPEAK TRUTH TO POWER: VOICES FROM BEYOND THE DARK. Nel 1995, il suo film per la BBC PRISONERS IN TIME, ha vinto come miglior sceneggiatura i WGGB Awards.  Tra le altre sceneggiature ricordiamo SHAHEED, BURNING CITY e un adattamento del suo romanzo BLAKE’S THERAPY.
Nel 2011 è stato pubblicato FEEDING ON DREAMS, sequel di HEADING SOUTH, LOOKING NORTH (le sue memorie pubblicate nel 1999), su cui si basa il documentario A PROMISE TO THE DEAD.
Da attivista dei diritti umani, nel 2010 ha tenuto la conferenza annuale su Mandela in Sud Africa.
Tra gli ultimi lavori per il teatro ricordiamo ALLEGRO! e ADIOS, CERVANTES scritto in occasione del quattrocentesimo anniversario della morte di Cervantes, OUT OF THE DARK, una riscrittura dell’Edipo ambientata in America Latina.
Tra i suoi ultimi libri HOMELAND SECURITY ATE MY SPEECH, il romanzo DARWIN’S GHOSTS AND THE UPCOMING CAUTIVOS.
HOW TO READ DONALD DUCK è la sua celebrata analisi dei fumetti di Disney.
Il libro per bambini THE RABBITS’ REBELLION è uscito negli Stati Uniti con grande successo.
Sta per essere realizzato un film tratto dal suo romanzo MASCARA.
Ha scritto due libretti d’Opera: un adattamento de La Morte e la fanciulla che ha debuttato a Malmoe e NACIKETA per l’Opera Circus col compositore Nigel Osborne.
Lui e sua moglie Angelica dividono il loro tempo tra Durham, North Carolina, e Santiago, Cile.

www.adorfman.duke.edu

Saggi
—–
Konfidenz: l’opera è del 1995, ma venne ristampata nel 2003 con l’introduzione di Andrei Codrescu;
Heading South, Looking North: A Bilingual Journey (1998), il libro di memorie;
Exorcising Terror: The Incredible Unending Trial of General Augusto Pinochet: tradotto in spagnolo, francese, italiano e turco (2002).
The Burning City – scritto in collaborazione con Joaquin Dorfman (2003);
Manifesto for Another World: Voices from Beyond the Dark (2004);
Desert Memories: Journeys through the Chilean North (2004);
Other Septembers, Many Americas: Selected Provocations 1980-2004.

Teatro
——
Mascara
Picasso’s Closet
The Other Side
Purgatorio
Death and the Maiden
Dancing Shadows
Who’s Who
Widows
Reader
Speak Truth to Power. Che Dorfman sia un fiero attivista dei diritti umani non è una novità. Chi altri poteva dunque firmare l’adattamento teatrale dal romanzo di Kerry Kennedy? La piece è dedicata e ispirata a tutti i grandi difensori dei diritti umani. Nella rappresentazione statunitense parteciparono nomi importanti quali Kevin Kline, Sigourney Weaver, Alec Baldwin, Alfre Woodard, Julia Louis-Dreyfuss, Rita Moreno, Hector Elizondo, Giancarlo Esposito, Lynn Redgrave, Sean Penn, Robin Wright Penn, Woody Harrelson, Martin Sheen, Kenny Leon, Fisher Stevens, Bob Herbert e Paege Cleage. Le musiche della versione americana sono di Jackson Browne, Hugh Masekela, The Indigo Girls e The Spellman Choir.
Quest’opera giunse in Italia nel 2006 in una versione curata da Lucio Dalla.
Naciketa
Feeding on Dreams: Confessions of an Unrepentant Exile, 2011
Dancing Shadows, 2013