mobile-menu mobile-menu-arrow Menu
 

The Yalta Game



Scritto nel 2001, The Yalta Game viene tradotto e rappresentato per la prima volta in Italia in questa occasione. Brian Friel (1929 – 2015) è soprannominato da alcuni “il Čechov irlandese” e a Čechov si ispira questa pièce. Il punto di partenza è La signora col cagnolino (1899): un uomo (Dmitri Gurov) e una donna (Anna Sierghiejevna), entrambi infelicemente sposati, vivono a Yalta un’impossibile e struggente storia d’amore. Ma il fulcro dell’opera di Friel non è l’adulterio, né le sue implicazioni sociali. Protagonista è il Gioco: la capacità di confondere realtà e immaginazione, lo scontro tra verità vissuta e desiderio. Le due figure in scena creano continuamente, con le loro parole, la realtà che li circonda, i luoghi in cui vivono, le persone che incontrano, giocando con la propria fantasia e con l’immaginazione degli spettatori, anch’essi autori del “gioco” fittizio e reale che si dipana davanti ai loro occhi. (dal sito fondazionetpe.it)

A maggio al Teatro Astra di Torino!

THE YALTA GAME

DI BRIAN FRIEL
TRADUZIONE E REGIA DI STEFANO MORETTI
CON STEFANO MORETTI, GIULIA VALENTI
LUCI MAURO PANIZZA
ELABORAZIONE VIDEO E COLLABORAZIONE ALLA MESSA IN SCENA LUCA CARBONI
PRODUZIONE TPE – TEATRO PIEMONTE EUROPA / PRIMA ASSOLUTA
IN COLLABORAZIONE CON SAVERIA PROJECT, UNIONE RENO GALLIERA E TEATRO “LA CASA DEL POPOLO” DI CASTELLO D’ARGILE