mobile-menu mobile-menu-arrow Menu
 

Lavapiatti, I


Autore: Morris Panych
Categoria: Teatro
Genere: tragicommedia
Lingua: inglese
Ruoli: 3
Attori: 3

Sinossi:

Di tutti i miti urbani contemporanei nessuno è più assurdo della narrazione della “Società senza classi” e l’ultimissima commedia di Morris Panych penetra senza pietà nello shock e nell’orrore di quel che resta del nero più cupo macchiando il suo cuore di porcellana.
Sfortunatamente il capo lavapiatti è deciso a vedere vendicata la sua miserevole autorità, perciò Dressler (questo è il suo nome) la fa da padrone in un seminterrato soffocante di un raffinato ristorante, un luogo di lavoro duro, esistenziale, senza sbocchi, talmente lontano dalla luce del giorno che i suoi schiavi del lavoro salariato non hanno alcun contatto con nessuna persona del mondo esterno. La sua parlantina è un fiume in piena che va dall’etica del lavoro operaio, all’interminabile borbottio sull’orgoglio del suo mestiere, la retorica marxista e le virtù dell’intraprendenza individuale come è celebrata da Ayn Rand, e così Dressler tiranneggia spietato i suoi colleghi.
Sfortunamente sia il “vecchio” Moss sia il giovane Emmett non riescono a vedere le cose come lui mentre ostinatamente e in modo inesplicabile perseguono sia il rifiuto sia l’aspirazione a unirsi alla “gente del piano di sopra”.


Personaggi:
- Dressler, un lavapiatti di mezza età - Emmett, il lavapiatti più giovane - Moss, il lavapiatti più anziano, dall'aspetto quasi “centenario”

Commenti:
Dressler il lavapiatti diventerà uno dei personaggi più memorabili del teatro canadese... è un piacere vedere il commediografo Panych avere successo ancora una volta mentre cammina sul filo del rasoio tra commedia e tragedia. THE DISHWASHERS è un'opera divertente, triste, strana ed edificante, a volte nello stesso respiro...- THE VANCOUVER SUN