mobile-menu mobile-menu-arrow Menu
 

Spiro Scimone

Spiro Scimone è un attore e autore italiano, nato a Messina il 27/4/1964.

Candidato al XIII Premio Europa Realtà Teatrali, insieme all’attore Francesco Sframeli nel 1994 fonda la compagnia Scimone Sframeli.

Lo stesso anno scrive l’opera prima “Nunzio” in messinese con la quale vince il premio IDI “Autori Nuovi” e la Medaglia d’oro IDI per la drammaturgia 1995. Tale opera si rivela una tappa fondamentale del suo percorso artistico, dal momento che inizia a collaborare con una delle figure più eminenti ed autorevoli del teatro italiano: Carlo Cecchi.  L’artista, infatti, cura la regia dell’opera e lo coinvolge nella trilogia di Shakespeare (Amleto, Sogno di una notte…, Misura per misura).  Nel 1997 con le sue opere “Bar” e “La festa”, vince il premio UBU come “Nuovo Autore” e il premio Candoni Arta terme per la nuova drammaturgia.

Nel 2001 dal testo “Nunzio” scrive la sceneggiatura del film “Due Amici” che interpreta e dirige insieme al collega Sframeli. Il film vince il Leone d‘oro come miglior opera prima alla Mostra internazionale del cinema di Venezia 2002 e ottiene le seguenti candidature come miglior regista esordiente: Premio David di Donatello, Nastri d’argento, European film awards(Oscar europeo).

Nel 2003 scrive e interpreta l’opera teatrale “Il cortile” (premio Ubu 2004 miglior testo italiano) regia di Valerio Binasco.

Dal 2006 al 2018 scrive e interpreta  le opere: “La busta” “Pali” (premio Ubu 2009 migliore novità italiana ) “Giù” (premio Ubu 2012 miglior scenografia)  “Amore” (Premio Ubu 2016 Migliore novità o progetto drammaturgico e migliore allestimento scenico) Sei (riscrittura dei “Sei personaggi in cerca d’autore” di Luigi Pirandello) tutti diretti da Sframeli.

I suoi spettacoli teatrali sono stati rappresentati in Inghilterra, Francia, Germania, Belgio, Spagna, Canada, Argentina, Portogallo, Olanda, Croazia, Grecia, Svezia e nei festival europei più prestigiosi, tra i quali il Festival d’Automne à Paris, il Kunsten Festival des Arts di Bruxelles, il Festival de Otoño a Madrid, Il Festival internazionale di Rotterdam, il Festival de Almada –Portogallo, Il Festival Inernacional de Teatro Mercosur Cordoba, Zagreb Festival.

I testi sono tradotti in francese, inglese, tedesco, greco, spagnolo, portoghese, norvegese, croato, sloveno, danese e messi in scena in Francia, Germania, Portogallo, Spagna, Scozia, Grecia, Croazia, Slovenia, Svizzera, Belgio, Norvegia, Danimarca, Brasile, Cile, Venezuela e sono pubblicati in Italia dalla Ubulibri, in Francia dall’Arche tradotti da Jean Paul Manganaro e Valeria Tasca, in Spagna dal Teatro del Astillero con la traduzione di Carla Matteini, in Portogallo da Artistas Unidos.

Dal 1998 ha tenuto laboratori, incontri, lezioni di drammaturgia presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, la Sorbonne Nouvelle di Parigi, il DAMS di Bologna, l’Università di Roma, di Messina, di Forlì, la Scuola Holden di Torino, la Scuola Nazionale di Drammaturgia di Gioia dei Marsi,la  Civica Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano e il Napoli Teatro Festival.